Tempo di lettura stimato: 3 minuti

L’abbigliamento può renderti felice, anche di inverno! Nonostante le temperature diventino più severe, l’abbronzatura sparisca e i tessuti degli abiti si facciano sempre più pesanti, è possibile scegliere dei vestiti strategici che combattano la tristezza invernale.

Lo stato d’animo tendente al depresso portato dalla stagione fredda ha un nome proprio: Winter Blues. Di colore blu è anche il personaggio che ha rappresentato la tristezza nel film del 2015 “Inside Out” realizzato dai Pixar Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures.

tristezza winter blues
Foto Via Web

La depressione invernale non è però soltanto una trovata cinematografica, ma vede alla base una motivazione reale.

La mancanza della luce e dei raggi solari nelle giornate sempre più corte e fredde infatti, tendono ad ingrigire anche lo stato d’animo. L’occhio umano infatti, è meno abituato a ricevere la luce e quindi il colore (si pensi che il nero rappresenta appunto l’assenza di tutti i colori).

Il winter blues è riconosciuto anche in ambito medico ed è chiamato SAD, acronimo di Seasonal Affective Disorder.

Fortunatamente, la moda migliora l’umore; vediamo quindi 3 capi di abbigliamento che ti renderanno felice anche di inverno.

  1. La biancheria intima. La biancheria intima è il primo passo per avere una buona giornata. Con la lingerie si ha la possibilità di utilizzare anche colori molto sgargianti. In questo modo l’occhio riceve una sferzata di luce ed energia in gradi di sollevare uno stato d’animo triste.
  • Un cappotto trendy. Basta ai soliti capi-spalla neri o blu o grigi, proviamo con un pò di colore! Si può scegliere di seguire ad esempio la tendenza moda monocromo optando per una tinta unita o addirittura osare per un sempre eterno animalier alla Dolce & Gabbana.
abbigliamento felice anche di inverno
D&G- Foto via Sito
  • Una gonna a ruota. Bella e romantica. A me viene sempre in mente il personaggio sempre sorridente, a tratti fastidiosamente, di Sandy in Grease (oggi mi ispirano le citazioni cinematografiche). Indossava queste gonne a ruota molto voluminose e il suo personaggio rappresentava la serenità, l’ingenuità e l’innocenza. In netta contrapposizione a Rizzo che invece era la ragazza ribelle e disinibita che vestiva strette gonne a matita e cinture.

Ti piacerebbe vivere l’esperienza di una consulenza personalizzata per capire quali saranno i vestiti con cui combatterai il winter blues?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *